Biden dovrebbe integrare Bitcoin nel sistema finanziario statunitense, dice Niall Ferguson

Bitcoin

Lo storico dell’economia ha detto che l’amministrazione del Presidente eletto Biden dovrebbe considerare la Bitcoin come un’alternativa al „dollaro digitale cinese“.

Lo storico economico e finanziario britannico Niall Ferguson ha detto che gli Stati Uniti devono trovare la propria strada nell’adozione delle crittocorse, piuttosto che „costruire [le proprie] versioni dei sistemi di pagamento elettronico della Cina“.

In un articolo di Bloomberg, Ferguson ha detto domenica che l’attuale pandemia è stata generalmente buona per l’adozione delle crittovalute, accelerando una „rivoluzione monetaria“ in tutto il mondo. Tuttavia, lo storico ha osservato che la Cina sta „avanzando rapidamente“ nella diffusione del suo yuan digitale e nell’uso crescente dei pagamenti mobili. App come Alipay e WeChat Pay gestiscono circa 40 trilioni di dollari di transazioni all’anno.

Lo storico ritiene che queste misure della Cina servano da modello per altri paesi che sviluppano sistemi di pagamento transfrontalieri e pagamenti di rimesse. Tuttavia, ha sconsigliato agli Stati Uniti di farlo:

„Anche i governi che si oppongono alla penetrazione finanziaria cinese, come l’India, stanno essenzialmente costruendo le proprie versioni dei sistemi di pagamento elettronici cinesi“, ha detto Ferguson. „Piuttosto che cercare di creare un dollaro digitale in stile cinese, la nascente amministrazione di Joe Biden dovrebbe riconoscere i vantaggi dell’integrazione di Bitcoin nel sistema finanziario statunitense“.

Ferguson ha aggiunto che le autorità statunitensi dispongono già di metodi per affrontare l’applicazione delle norme che circondano il Bitcoin (BTC). L’Internal Revenue Service ora richiede alle persone fisiche di fare una dichiarazione relativa alle loro partecipazioni criptate nei loro rendimenti e potrebbe andare a cercare gli utenti di Coinbase che non rispettano i requisiti fiscali e di reporting. Inoltre, il Federal Bureau of Investigation ha messo gli occhi su casi di riciclaggio di denaro sporco che utilizzano il cripto.

„Il punto è semplicemente che i dati finanziari degli individui rispettosi della legge sono meglio protetti da Bitcoin che da Alipay“, ha detto lo storico.

Le opinioni personali del presidente eletto su cripto, sulle valute digitali della banca centrale e sul Bitcoin non sono ben note, ma ci sono indicazioni che le persone nella sua amministrazione potrebbero potenzialmente aiutare a guidare il cripto in un quadro normativo più amichevole negli Stati Uniti. Per esempio, Biden potrebbe sfruttare l’ex presidente della Commodity Futures Trading Commission Gary Gensler come suo vice segretario del Tesoro.